Teads - Top dei blog - Fumetti e illustrazioni

Etichette

21 dicembre 2011

Titty Twister

inchiostro di china nera diluito su cartoncino fabriano F5, cotone al 50%

matita su carta

In anteprima una vignetta finita e il layout della pagina corrispondente, fatto a matita. L'immagine finita è stata realizzata su cartoncino fabriano A5, con percentuale di cotone al 50% usando una tecnica che gli americani chiamano "water inking". Il ripasso viene fatto con la china nera ma diluita come se fosse un comune acquarello. I pennelli usati, inutile dirlo, quelli della serie 7 della Windsor&Newton, e anche alcuni da Vinci punta fine.

Il procedimento richiede un po' più tempo del ripasso normale e naturalmente non ammette errori, motivo per cui alla scuola di fumetto quando insegno il ripasso a china, vieto a tutti di cimentarsi con questa tecnica che potremmo definire suicida o "Kamikaze".
L'effetto finale però molte volte è più veritiero ed appagante del bianco e nero semplice, al punto che dopo oltre cento pagine fatte tutte con questa tecnica mi ritrovo a sentire il disagio di abbandonarla nei prossimi lavori che farò, benchè tanto impegnativa e per certi versi più faticosa del tradizionale ripasso.

Ho scelto di caricare sul blog questa scena, sia perchè è la citazione di un famoso film e sia perchè una volta che sarà letterata, i ballon con i dialoghi copriranno gran parte del disegno e quindi ho voluto salvare l'effetto finale della vignetta prima che questa venga pubblicata.
Una piccola chicca per intenditori e appassionati di disegno, oltre che di Brendon.

28 novembre 2011

E' AMORE...ecc. di FICARRA E PICONE



Alcuni frame da un lavoro fatto questa estate per la casa di produzione Tramp Limited, che stava girando a Torino l'ultimo film di e con Ficarra e Picone: "Anche se è Amore non si vede", titolo difficile da ricordare ma storia divertente con un finale in crescendo dove si intrecciano i litigi ed era necessario visualizzare nello storyboard una complessa sequenza di rissa tra i molti personaggi.
Ho disegnato a lungo per arrivare ad avere la sequenza approvata con le scene messe nel giusto ordine, ma è stato molto divertente conoscere i due comici siciliani dentro e fuori dal set, in giornate di pioggia torrenziale che hanno reso davvero complicato rispettare gli ordini del giorno e il piano di lavoro.

13 ottobre 2011

Torino, il Po by night


Un disegno che ho realizzato alcuni mesi fa, stando seduto in uno dei punti che più amo sulle sponde del Po, a Torino. Era una mattina fredda e umida, la pietra su cui mi ero seduto dopo un po' iniziava a essere scomoda ma il paesaggio mi aveva preso e sono rimasto lì per circa un'ora a tracciare linee sul mio sketch book.

26 settembre 2011

ZAGOR, MISTER NO e SERGIO BONELLI





Eh già, non pensavo più che avrei tirato fuori dal cassetto questi acerbi tentativi di avvicinarmi alla casa editrice Sergio Bonelli. Si parla di oltre quindici anni fa. In un altro secolo, in un altro millennio! Era la prima volta che provavo a cimentarmi con alcuni eroi della mia infanzia, da disegnatore aspirante; passai un'estate a disegnare alcune pagine di sceneggiatura di Zagor, scritte da Sergio Bonelli. Erano disegni di prova, per mostrare il mio livello alla redazione di Milano.

Non andò bene, chi mi conosce lo sa, non ho mai disegnato ne Zagor ne Nister No, come professionista. Però in quell'estate passata a sudare sulle tavole a fumetti capii molte cose.
Prima tra tutte: non era un mestiere facile, disegnare fumetti.

Negli anni ho avuto la testardaggine e il desiderio di capire molte altre cose sul disegno dei fumetti, grazie alle quali sono poi riuscito a lavorare per la casa editrice di Sergio Bonelli e padre (Gianluigi Bonelli il creatore di Tex), come disegnatore di MagicoVento e di Brendon. Negli anni si sono accumulati tanti lavori, tante esperienze ma soprattutto tanti aneddoti.
Purtroppo oggi ho tristemente inviato il mio telegramma di condoglianze alla famiglia di Sergio Bonelli, che non c'è più da questa mattina... e molti ricordi mi sono venuti in mente tutti insieme in maniera confusa. Quindici anni non sono molti ma neanche pochi.

La scomparsa di Sergio Bonelli è stata una notizia inaspettata. Nell'ultima mia "spedizione" a consegnare i disegni a Milano, avevo intravisto Sergio in redazione e stava bene. Aveva guardato i miei disegni fatti per lo Speciale di Brendon e poi mi aveva detto in tono scherzoso che ero: "promosso!"...

Mi mancherà il suo tono forte e ironico al tempo stesso...in lui ho ammirato il coraggio, la passione e la generosità...le stesse identichè qualità che ho avuto la fortuna di conoscere in mio papà, quando era vivo. Nella tristezza di questo momento però non posso che essere riconoscente a queste due persone a me care ed essere felice di averli incontrati sulla mia strada.

Buon Viaggio, Sergio!

19 marzo 2011

Dylan Dog





Era la fine del 2009. Avevo preparato questa illustrazione per celebrare Dylan Dog, uno dei miei eroi ( anche se spesso lo si descrive come anti-eroe...) preferiti della Bonelli Family. In una delle mie visite alla casa editrice di via Buonarroti, a Milano, la donai a Sergio Bonelli con una dedica scritta malissimo, su due piedi, li nei corridoi degli uffici. Negli anni mi sono sempre pentito di non aver saputo trovare in quel frangente delle parole e una grafia più adatte al dono, ma tant'è...per fortuna in questa scansione non compare.
Eppure Bonelli anche in quell'occasione si dimostrò magnanimo o non ci fece caso e mi fece i complimenti per il disegno: mi ringraziò e mi disse che lo avrebbe messo nel suo ufficio. Me ne andai via felice per le belle parole che questa immagine aveva saputo suscitare.

5 gennaio 2011

TI AMO TROPPO PER DIRTELO di MARCO PONTI





Queste immagini in bianco e nero sintetizzano la sequenza iniziale. Sono state disegnate tra un sopralluogo e l'altro in compagnia di Marco, Diego, Francesco e Donato. In quel periodo si era da poco creato il Gruppo Intergalattico!